Codice della Strada: ecco cosa è cambiato a partire da gennaio 2018

Codice della Strada: ecco cosa è cambiato a partire da gennaio 2018

Insurvisor

Niente è perfetto, nemmeno il Codice della Strada, che con i suoi 408 articoli e con le sue 19 appendici norma il comportamento degli utenti sulla rete stradale. Come si diceva, nemmeno questo Codice è perfetto, ma viene modificato di anno in anno, per essere sempre più corretto e più completo, nonché per adeguarsi alle ultime novità nel campo della mobilità stradale. Ogni anno – il primo gennaio – entrano dunque in vigore le modifiche decise durante l'anno precedente, espresse dal legislatore dopo l'intervento della Corte di Cassazione o formulate in proprio per rispondere a specifiche esigenze degli utenti.


Le novità del Codice della Strada nel 2018

Anche nel 2017 sono state formulate diverse modifiche al Codice della Strada, le quali sono entrate in vigore a partire dal primo di gennaio 2018. Cosa devono sapere, dunque, gli automobilisti italiani?

La prima novità riguarda la comunicazione delle multe. Per i titolari di indirizzi di posta elettronica PEC, infatti, è stato deciso di eliminare l'invio cartaceo delle sanzioni, limitandosi invece all'invio digitale – certificato – mediante posta elettronica. Ne consegue dunque che i titolari di PEC sono tenuti a controllare periodicamente la propria casella di posta anche per assicurarsi di non avere multe in sospeso: va infatti sottolineato che il sistema genera la ricevuta di accettazione non quando l'utente apre effettivamente la posta, quanto invece nel momento in cui questa viene consegnata.

La seconda novità introdotta quest'anno nel Codice della Strada arriva dritta dritta dalla Corte di Cassazione, la quale con l'ordinanza n. 27771 del 2017 ha affermato che la polizia stradale, nel momento in cui rileva una vettura che viaggia in eccesso di velocità lungo un rettilineo, ha l'obbligo di intimare l'ALT. Come scritto in fattispecie dalla Corte, «posto che, come ha evidenziato il Tribunale di Chieti, il tratto di percorrenza, controllato da autovelox, era un rettilineo, in via di principio, nulla impediva agli organi di Polizia stradale di posizionarsi in modo tale che, visionata con i propri strumenti la velocità delle autovetture in transito, potessero fermare l’autovettura di cui si era rilevato l’eccesso di velocità, per gli adempimenti inerenti alla contestazione». Se ne desume che, qualora in un'eventualità simile non venga intimato l'ALT, la polizia debba ritenersi obbligata a specificare il motivo di questa mancanza.

Anche la terza novità riguarda in modo diretto le autorità: se infatti in passato qualcuno aveva ipotizzato che la semplice ramanzina al posto di una multa potesse essere considerato come un abuso d'ufficio, la Corte di Cassazione penale sez.VI ha stabilito che l'occasionale  'chiudere un occhio' di un agente non è configurabile come tale

Si è inoltre chiarito il caso in cui gli agenti sono tenuti obbligatoriamente a comunicare al soggetto la possibilità di essere assistito da un legale qualora ci sia l'esigenza di un alcol-test.  La comunicazione è obbligatoria in caso di test richiesto dalla polizia giudiziaria, mentre non lo è nell'eventualità di test effettuato insieme ad altre analisi del sangue eseguite durante il soccorso del soggetto ferito in seguito a un sinistro.

Va sottolineata, infine, la modifica della clausole relative all'assegnazione delle classi di merito. In primo luogo gli effetti del decreto Bersani sono stati allargati anche alle coppie di fatto e ai partner uniti da unione civile; va poi sottolineata l'estensione a tutte le polizze temporanee della disciplina già prevista per le polizze a tariffa fissa e a franchigia. É stato poi deciso di riconoscere la classe di CU maturata un veicolo anche qualora questo passi da una pluralità di proprietari (per esempio una società) ad uno solo di essi.

Queste, in sintesi, le principali modifiche che gli automobilisti italiani devono conoscere a partire dal 2018.

Entra in Insurvisor!

Il primo social marketplace del mercato assicurativo

Categorie: Auto & Moto

Non ci sono commenti per ora. Effettua l’accesso e condividi i tuoi pensieri!

Non perderti le prossime news

Inserisci il tuo indirizzo email.

Oppure iscriviti al feed rss
sss